Siete in Home / Amministrazione e servizi / Servizi ai cittadini / Servizi sociali / Bonus gas e energia

Bonus gas e energia

Bonus sociale gas naturale 

L' Autorità per l'energia elettrica ed il gas, in relazione alle norme richiamate in premessa, ha approvato le modalità applicative del regime di compensazione della spesa per la fornitura di gas naturale sostenuta dai clienti domestici economicamente svantaggiati, definite ai sensi del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito in legge con modificazioni dell'articolo 1 della legge 28 gennaio 2009 n. 2;

Hanno diritto al bonus sociale, per una sola abitazione di residenza, le famiglie con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro, nonché le famiglie numerose (4 o più figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro.

Il bonus gas potrà essere richiesto anche da coloro che in presenza dei requisiti ISEE e di residenza indicati, utilizzano impianti di riscaldamento condominiali, ovviamente a gas naturale.

Coloro che ritengono di avere diritto al bonus sociale, possono beneficiarne, presentando domanda, presso un qualsiasi CAF della Regione negli orari di apertura al pubblico o presso l' Ufficio Servizi Sociali del Comune negli orari di apertura al pubblico sugli appositi moduli gratuitamente disponibili presso gli uffici suddetti o sul sito dell' Autorità per l'Energia elettrica ed il gas www.autorità.energia.it/bonus-sociale.htm

Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti:

  1. Attestazione ISEE (in relazione al disagio economico);
  2. Copia dell'ultima bolletta Gas da cui risulti il Codice PDR  ;
  3. copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità.

Il diritto al bonus ha una validità di 12 mesi. Al termine di tale periodo, per ottenere l'eventuale rinnovo, il consumatore dovrà presentare una domanda accompagnata da una certificazione ISEE aggiornata, che attesti il permanere delle condizioni di disagio economico.

Bonus sociale energia elettrica

L' Autorità per l'energia elettrica ed il gas ha approvato i modelli per la richiesta di uno sconto sulla bolletta dell'energia elettrica. Il diritto al bonus sociale è riconosciuto, per una sola abitazione di residenza dei componenti il nucleo familiare, in relazione:

  1. le utenze domestiche, qualora il valore ISEE non superi i 8.107,5 euro (la domanda è rinnovabile di anno in anno entro l'undicesimo mese dalla data in cui si è presentata la domanda);
  2. le utenze domestiche,nelle quali vi siano 4 figli a carico con ISEE non superiore a € 20.000,00;
  3. alle utenze domestiche con nucleo familiare nel quale sia presente persona che versi in gravi condizioni di salute, tali da richiedere l'utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche alimentate elettricamente, necessarie per l'esistenza in vita.

Coloro che ritengono di avere diritto al bonus sociale, possono beneficiarne, presentando domanda, presso un qualsiasi CAF della Regione negli orari di apertura al pubblico o presso l' Ufficio Servizi Sociali del Comune negli orari di apertura al pubblico sugli appositi moduli gratuitamente disponibili presso gli uffici suddetti o sul sito dell' Autorità per l'Energia elettrica ed il gas www.autorità.energia.it/bonus-sociale.htm

Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti:

  1. Attestazione ISEE (in relazione al disagio economico);
  2. Certificazione ASL (in relazione al disagio fisico);
  3. Copia dell'ultima bolletta Enel, da cui risulti il POD (codice alfanumerico che inizia con le lettere "IT" riportato sul foglio allegato al bollettino di versamento e nel contratto di fornitura) e la potenza impegnata (max 3KW);
  4. copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità.

Bonus idrico

Dal 1 luglio 2018 se si hanno i requisiti per richiedere il bonus elettrico e/o gas si potrà richiedere anche il bonus per la fornitura idrica, che consiste in uno sconto sulla tariffa relativa al servizio acquedotto per gli utenti domestici residenti in condizione di disagio economico.

Hanno diritto al bonus anche gli utenti che non hanno un contratto di fornitura diretto perché vivono in un condominio e il titolare del contratto di fornitura è il condominio stesso.

Il bonus idrico garantisce la fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua su base annua per ogni componente della famiglia anagrafica.